Blog

  • Venerdì
    21 Novembre
    2014

    Come interrompere cattivi progetti

    Pubblicato da in Organizzazione – Finanza – Controllo

    Quando l’imprenditore ed ex ricercatore di Accenture IT, Adam Siegel, lavorava come consulente, ha avuto modo di vedere come l’informazione possa spesso andare da vera a molto meno vera – da realtà a fantasia – poiché essa si muove all’interno delle gerarchie delle aziende clienti.
    “Quelle che erano per lo piu’ campanelli d’allarme e luci rosse a livello di progetto,  divenivano di solito luci verdi – forse alcune gialle – nel momento in cui arrivavano all’amministratore delegato”.

    I proprietari dei progetti, manipolavano creativamente i risultati principalmente per evitare che i finanziamenti venissero revocati. Di conseguenza, c’era un ampio divario tra i progettisti a livello base, e i leaders dell’azienda che stavano nella parte più alta della scala gerarchica, quando si andava a capire come i progetti stessero realmente progredendo. I leaders tendevano a pensare che le cose andassero molto meglio di quanto accadesse realmente.

    Il problema della “corruzione” dei flussi di informazione è stato seguito da Siegel e lo ha infine portato a fondare la sua attuale azienda, Inkling Markets, un’azienda software che si pone l’obiettivo di aiutare le aziende a condurre previsioni di mercato di successo.

    Cosa ha a che fare una previsione di mercato con l’eliminazione di tale problema? Siegel vede l’opportunità di produrre un supporto decisionale di maggiore qualità per le aziende, attingendo a un consiglio anonimo da “persone alle quali normalmente non viene chiesta l’opinione, su campioni abbastanza grandi tali da poter filtrare errori e opinioni individuali”.

    Nel caso di una previsione interna di mercato per esempio, agli impiegati potrebbe essere richiesto di valutare in modo anonimo un’affermazione come questa: “Il progetto Voldemort incontrerà gli obiettivi definiti di performance entro la fine del 2008”.

    A seconda di quanto l’individuo sia d’accordo o meno con l’affermazione, emergerà una valutazione aggregata dei prospetti del progetto Voldemort. Se quella valutazione dovesse contrastare in modo significativo le aspettative estremamente ottimiste dei reports ufficiali, allora i proprietari del progetto dovrebbero dare delle spiegazioni.

    Il software di Siegel ha una componente fai-da-te che permette ai partecipanti di suggerire le loro stesse domande. Inevitabilmente, “questo fa emergere buoni quesiti ai quali i proprietari del progetto  non avrebbero pensato”. Egli aggiunge che questo è “enormemente importante se stai provando a trovare il prossimo cigno nero”. Per “cigno nero” si intende un evento inaspettato di larga magnitudine e con forti conseguenze.
    Mentre molti sono naturalmente attratti dalla potenziale scoperta del “cigno nero” delle previsioni di mercato, un altro punto interessante potrebbe essere il loro uso come forma i di rilevazione delle menzogne interne all’azienda – garantendo l’integrità dei reports interni e mantenendo trasparente il progresso delle iniziative aziendali.

    Qualcuno di voi ha utilizzato previsioni di mercato per questi scopi? Se no, quali altri metodi avete usato per combattere il coinvolgimento in progetti inutili?

    Articolo di Lew McCreary traduzione a cura di CentoCinquanta srl

newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti per rimanere aggiornato

contatti

Rimani in contatto

Scrivici, verrai ricontattato al più presto