Diritto tributario e societario

Nuovo credito d’imposta per ricerca, sviluppo e innovazione tecnologica – PROVVEDIMENTO ATTUATIVO

Con il DM 26.5.2020, pubblicato sulla G.U. 21.7.2020 n. 182, sono state emanate le di­sposizioni applicative relative al credito d’imposta per investimenti in ricerca e sviluppo e inno­va­zione tecnologica previsto dalla legge di bilancio 2020, concernenti, in particolare:

  • la definizione delle attività di ricerca e sviluppo, delle attività di innovazione tecno­­logica e delle attività di design e ideazione estetica ammissibili;

  • l’individuazione, nell’ambito delle attività di innovazione tecnologica, degli obiet­ti­vi di innovazione digitale 4.0 e degli obiettivi di transizione ecologica, rilevanti per la maggiorazione dal 6% al 10% della misura del credito d’imposta;

  • la determinazione e la documentazione delle spese ammissibili al credito d’im­po­sta.

 

ATTIVITÀ DI RICERCA E SVILUPPO – DEFINIZIONE

Costituiscono attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d’imposta i lavori svolti nel periodo d’imposta successivo a quello in corso al 31.12.2019, anche in relazione a progetti di ricerca e sviluppo avviati in periodi d’imposta precedenti, classificabili in una o più delle seguenti categorie generali:

· ricerca fondamentale: si considerano attività di ricerca fondamentale i lavori spe­ri­mentali o teorici finalizzati principalmente all’acquisizione di nuove conoscenze in campo scientifico o tecnologico, attraverso l’analisi delle proprietà e delle strut­­ture dei fenomeni fisici e naturali, senza necessariamente considerare un utilizzo o un’applicazione particolare a breve termine delle nuove conoscenze acquisite da parte dell’impresa;

· ricerca industriale: si considerano attività di ricerca industriale i lavori originali intrapresi al fine di individuare le possibili utilizzazioni o applicazioni delle nuove conoscenze derivanti da un’attività di ricerca fondamentale o al fine di trovare nuo­ve soluzioni per il raggiungimento di uno scopo o un obiettivo pratico pre­de­terminato;

· sviluppo sperimentale: si considerano attività di sviluppo sperimentale i lavori si­ste­matici, basati sulle conoscenze esistenti ottenute dalla ricerca o dall’espe­rien­za pratica, svolti allo scopo di acquisire ulteriori conoscenze e raccogliere le informazioni tecniche necessarie in funzione della realizzazione di nuovi prodotti o nuovi processi di produzione o in funzione del miglioramento significativo di prodotti o processi già esistenti.

 

ATTIVITÀ DI INNOVAZIONE TECNOLOGICA

Costituiscono attività di innovazione tecnologica ammissibili al credito d’imposta i la­vo­ri, diversi da quelli di ricerca e sviluppo, svolti nel periodo d’imposta successivo a quel­lo in corso al 31.12.2019, anche in relazione a progetti avviati in periodi d’imposta

precedenti, finalizzati alla realizzazione o all’introduzione di prodotti o processi nuovi o significativamente migliorati, rispetto a quelli già realizzati o applicati dall’impresa.

 

Esclusioni

Non si considerano attività di innovazione tecnologica ammissibili al credito d’imposta:

· i lavori svolti per apportare modifiche o migliorie minori ai prodotti e ai processi già realizzati o applicati dall’impresa;

· i lavori svolti per la soluzione di problemi tecnici legati al normale funzionamento dei processi di produzione dell’impresa o per l’eliminazione di difetti di fab­bri­ca­zione dei prodotti dell’impresa;

· i lavori svolti per adeguare o personalizzare i prodotti o i processi dell’impresa su specifica richiesta di un committente;

· i lavori svolti per il controllo di qualità dei prodotti o dei processi e per la stan­dardizzazione degli stessi e in generale i lavori richiesti per l’adeguamento di processi e prodotti a specifici obblighi previsti dalle norme in materia di sicu­rez­za, salute e igiene del lavoro o in materia ambientale.

 

ATTIVITÀ DI DESIGN E IDEAZIONE ESTETICA

Si considerano attività ammissibili al credito d’imposta i lavori di design e ideazione estetica, diversi da quelli svolti nell’ambito delle attività di ricerca e sviluppo e di inno­va­­zione tecnologica, svolti nel periodo d’imposta successivo a quello in corso al 31.12.2019, anche in relazione a progetti avviati in periodi d’imposta precedenti, finaliz­zati ad innovare in modo significativo i prodotti dell’impresa sul piano della forma e di altri elementi non tecnici o funzionali, quali, ad esempio, le caratteristiche delle linee, dei contorni, dei colori, della struttura superficiale, degli ornamenti.

 

Per le imprese operanti nel settore dell’abbigliamento e negli altri settori nei quali è pre­visto il rinnovo a intervalli regolari dei prodotti, sono considerate attività ammissibili al cre­dito d’imposta i lavori relativi alla concezione e realizzazione di nuove collezioni o campionari che presentino elementi di novità rispetto alle collezioni e ai campionari pre­cedenti con riguardo ai tessuti o ai materiali utilizzati, alla loro combinazione, ai di­se­gni e alle forme, ai colori o ad altri elementi rilevanti, con esclusione dei lavori finaliz­zati al semplice adattamento di una collezione o campionario esistente attraverso l’ag­giunta di un singolo prodotto o la modifica di una sola caratteristica dei prodotti esi­sten­ti, come ad esempio la modifica unicamente dei colori, o di un elemento di dettaglio.

 

MAGGIORAZIONE DELL’ALIQUOTA DEL CREDITO D’IMPOSTA

Ai fini della maggiorazione dal 6% al 10% della misura del credito d’imposta, rilevano le attività di innovazione tecnologica finalizzate al raggiungimento degli obiettivi di:

· innovazione digitale 4.0;

· transizione ecologica.

 

Obiettivi di innovazione digitale 4.0

Si considerano attività di innovazione tecnologica finalizzate al raggiungimento di obiet­tivi di innovazione digitale 4.0 i lavori svolti nell’ambito di progetti relativi alla trasfor­ma­zione dei processi aziendali attraverso l’integrazione e l’interconnessione dei fattori, in­terni ed esterni all’azienda, rilevanti per la creazione di valore.

A titolo esemplificativo, costituiscono obiettivi di innovazione digitale 4.0:

· l’introduzione di soluzioni che consentano un’integrazione comune dei diversi componenti, moduli e sistemi di un’architettura aziendale (c.d. “digital service backbone”), in grado di garantire, tramite l’implementazione di un modello di dati comune e il supporto di diversi protocolli e interfacce, l’interconnessione traspa­rente, sicura ed affidabile dei diversi dispositivi hardware e delle applicazioni software;

· l’introduzione di soluzioni che consentano il miglioramento della gestione ope­ra­tiva della produzione mediante ottimale assegnazione dei lavori alle macchine, se­quenziamento delle attività, gestione della forza lavoro, abbinamento e predi­spo­­sizione tempificata di utensili e attrezzature, allo scopo ad esempio di miglio­ra­re

l’utilizzo delle macchine, ridurre i lead time di produzione, minimizzare i costi, mi­­gliorare le prestazioni di consegna;

· l’introduzione di soluzioni per la definizione e generazione sistematica di indica­tori chiave degli obiettivi aziendali (c.d. “KPI’s”), attraverso la produzione e rac­colta automatica dei dati di processo;

· l’introduzione di soluzioni che consentano di ottenere suggerimenti da parte di sistemi/piattaforme e applicazioni IT sulle azioni correttive in base al funzio­na­mento delle risorse coinvolte nel processo, permettendo ad esempio di inviare feedback/alert su un’eventuale deriva del funzionamento del processo o di rea­lizzare processi e sistemi adattativi;

· la digitalizzazione di processi e prodotti nelle diverse aree e ambiti di creazione del valore;

· la digitalizzazione delle interazioni tra i diversi operatori delle filiere produttive, la messa a punto di modelli di condivisione delle informazioni, la messa a punto di protocolli e metodi per il tracciamento dei prodotti all’interno della filiera allo scopo di migliorare la cooperazione e la resilienza delle filiere estese;

· l’introduzione di soluzioni che implichino possibilità di funzioni real time remote di telediagnosi, teleassistenza, telemanutenzione, installazione a distanza, mo­ni­toraggio, con funzioni accessibili on demand (in qualsiasi momento) e da qual­siasi luogo interconnettibile, nonché soluzioni atte a favorire lo svolgimento di pre­stazioni lavorative da remoto (smart working);

· l’introduzione di soluzioni specifiche di blockchain, cybersecurity, edge e cloud computing, a potenziamento e arricchimento e per garantire la sicurezza delle so­luzioni descritte nei punti precedenti.

 

Obiettivi di transizione ecologica

Si considerano attività di innovazione tecnologica finalizzate al raggiungimento di obiet­tivi di transizione ecologica i lavori svolti nell’ambito di progetti relativi alla trasfor­ma­zio­ne dei processi aziendali secondo i principi dell’economia circolare, ad esempio:

· la progettazione di prodotti sostenibili che durino più a lungo e siano concepiti per essere riutilizzati, riparati o aggiornati per il recupero delle proprie funzioni o sottoposti a procedimenti di riciclo ad elevata qualità, per il recupero dei ma­te­riali, in modo da ridurre l’impatto ambientale dei prodotti lungo il loro ciclo di vita (c.d. “ecodesign”);

· la realizzazione di catene del valore a ciclo chiuso nella produzione ed utilizzo di componenti e materiali, anche sfruttando opportunità di riuso e riciclo cross-set­to­riali;

· l’introduzione di modelli di sinergia tra sistemi industriali presenti all’interno di uno specifico ambito economico territoriale (c.d. “simbiosi industriale”), carat­te­riz­zati da rapporti di interdipendenza funzionale in relazione alle risorse materiali ed energetiche (ad es. sottoprodotti, rifiuti, energia termica di scarto, ciclo in­te­grato delle acque);

· l’introduzione di soluzioni tecnologiche per il recupero atte ad ottenere materie prime seconde di alta qualità da prodotti post-uso, in conformità con le spe­ci­fi­che di impiego nella stessa applicazione o in differenti settori.

Informazioni nella relazione tecnica

In caso di applicazione della maggiorazione dell’aliquota del credito d’imposta, nella relazione tecnica devono essere fornite specifiche informazioni sugli obiettivi di inno­va­zione digitale 4.0 e/o di transizione ecologica perseguiti o implementati attraverso i progetti intrapresi, con la descrizione dello stato di fatto iniziale e degli elementi per­ti­nenti alla definizione e comprensione del progetto di innovazione, della situazione fu­tu­ra che verrà a determinarsi tramite lo sviluppo delle attività di progetto e dei criteri qua­litativi/quantitativi rilevanti per la valutazione del concreto conseguimento degli obiettivi di innovazione attesi.

 

DETERMINAZIONE E DOCUMENTAZIONE DELLE SPESE AMMISSIBILI

Ai fini della determinazione della base di calcolo del credito d’imposta, fermo restando il rispetto delle regole generali di effettività, pertinenza e congruità delle spese, si con­siderano ammissibili le spese:

· rientranti nelle previste tipologie;

· imputabili al periodo d’imposta successivo a quello in corso al 31.12.2019, in ap­plicazione dell’art. 109 co. 1 e 2 del TUIR.

 

Quote di ammortamento

Le quote di ammortamento relative ai beni materiali mobili e ai software utilizzati nelle attività di ricerca e sviluppo, di innovazione tecnologica e di design e ideazione este­ti­ca, rilevano nel limite massimo dell’importo fiscalmente deducibile nel periodo d’impo­sta agevolato ai sensi degli artt. 102 e 103 del TUIR, proporzionalmente ridotto in caso di utilizzo dei suddetti beni anche nelle ordinarie attività dell’impresa.

 

La documentazione contabile deve comprendere la dichiarazione del legale rappre­sen­tante dell’impresa o del responsabile delle attività ammissibili relativa alla misura e al periodo in cui i beni materiali mobili e i software sono stati utilizzati per tali attività.

 

Canoni di leasing

In caso di locazione finanziaria, rilevano le quote capitali dei canoni nel limite massimo dell’importo fiscalmente deducibile nello stesso periodo d’imposta ai sensi dell’art. 102 co. 7 del TUIR.

Imprese che determinano il reddito su base catastale o forfettaria

Nei confronti delle imprese che determinano il reddito su base catastale o forfettaria, si assumono le quote di ammortamento, i canoni di locazione finanziaria e le altre spese ammissibili per lo stesso importo che sarebbe stato virtualmente deducibile in via ana­li­tica nel periodo d’imposta agevolabile.

 

Spese per il personale

In relazione al personale con rapporto di lavoro subordinato assume rilevanza la re­tri­buzione, al lordo di ritenute e contributi previdenziali e assistenziali, comprensiva dei ra­tei del trattamento di fine rapporto, delle mensilità aggiuntive, delle ferie e dei per­mes­si, relativa alle ore o alle giornate impiegate nelle attività ammissibili svolte nel pe­rio­do d’imposta agevolabile, incluse le eventuali indennità di trasferta erogate al lavo­ratore in caso di attività ammissibili svolte fuori sede.

 

La documentazione contabile oggetto di certificazione deve comprendere anche i fogli presenza nominativi riportanti per ciascun giorno le ore impiegate nelle attività ammis­sibili, firmati dal legale rappresentante dell’impresa beneficiaria o dal responsabile delle attività.

 

Prestazioni svolte da amministratori o soci

In caso di prestazioni lavorative, direttamente riferibili alle attività ammissibili al credito d’imposta, rese da amministratori o soci di società o enti:

· l’ammissibilità delle relative spese non può eccedere il 50% del compenso fisso ordinario annuo spettante a tali soggetti ed è subordinata all’effettiva correspon­sione da parte della società dell’intero importo del compenso fisso nel periodo d’imposta agevolato;

· il legale rappresentante della società o ente deve attestare, ai sensi del DPR 445/2000, l’effettiva partecipazione di tali soggetti alle attività ammissibili e la con­­gruità dell’importo del compenso ammissibile in relazione alla quantità di la­voro prestato, alle competenze tecniche possedute dai medesimi nonché alle re­tribuzioni e compensi riconosciuti agli altri soggetti impiegati direttamente nelle medesime attività ammissibili.

Contattaci per ricevere assistenza sebastiano.massimino@centocinquanta.it

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *