Organizzazione - Finanza - Controllo

Qual è il piano di emergenza della tua azienda per il lavoro da remoto?

Le emergenze sanitarie globali, come Covid-19, sono spaventose, dirompenti e poco chiare per tutti.

CentoCinquanta, da sempre attenta ad intercettare i grandi cambiamenti in atto, ha deciso di tradurre e diffondere un articolo di Cali Williams Yost pubblicato su HBR 28 Febbraio 2020 per aiutare la comunità manageriale a mantenere alta l’attenzione sul fenomeno e identificare dei percorsi di cambiamento possibile.

Di seguito riprendiamo brevemente le riflessioni iniziali da cui parte l’autore e rimandiamo all’articolo integrale qui allegato che propone 5 step per pianificare adeguatamente e far fronte a questa straordinaria situazione d’emergenza.

” La diffusione globale del virus può essere un momento che rivela se i datori di lavoro sono pronti a rispondere rapidamente a cambiamenti imprevisti sul posto di lavoro.

I viaggi d’affari potrebbero diminuire o arrestarsi completamente. Un numero maggiore di dipendenti potrebbe dover lavorare al di fuori degli “orari di lavoro” locali e utilizzare la videoconferenza per operare all’interno dei fusi orari. E, se va abbastanza male, a molti potrebbe effettivamente essere domandato, o richiesto, di lavorare in remoto.

Le organizzazioni sono pronte? Probabilmente no.

Ma anche coloro che sono aperti a riconsiderare come sarebbe svolto il lavoro, sono pronti per l’inevitabile domanda post-crisi: “perché non lo facciamo sempre?”

Come prepari la tua organizzazione non solo a rispondere in modo flessibile a questa potenziale interruzione, ma anche a sfruttarla come un’opportunità per reinventare il lavoro in senso lato?

Continua la lettura dell’articolo scaricalo qui HBR articolo lavoro da remoto

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.