Bandi e opportunità Finanziarie

IMPRESE A TASSO ZERO

IMPRESE A TASSO ZERO

Cosa è ?

“Nuove imprese a tasso zero” è l’incentivo per i giovani e le donne che vogliono avviare una micro o piccola impresa.

Gli incentivi sono validi in tutta Italia e finanziano progetti d’impresa con spese fino a 1,5 milioni di euro. Le agevolazioni consistono in un finanziamento a tasso zero della durata massima di 8 anni, che può coprire fino al 75% delle spese totali.

A chi è rivolto

Micro e piccole Imprese già costituite in forma societaria da non più di dodici mesi alla data di presentazione della domanda di agevolazione, (o da costituirsi a seguito dell’ammissione a finanziamento) la cui compagine societaria sia composta, per oltre la metà numerica dei soci e di quote di partecipazione, da soggetti di età compresa tra i diciotto e i trentacinque anni e/o da donne.

Imprese finanziabili

Sono ammessi alle agevolazioni programmi di investimento non superiori a € 1.500.000,00 relativi:

  1. a) alla produzione di beni nei settori dell’industria, dell’artigianato, della trasformazione dei prodotti agricoli;
  2. b) alla fornitura di servizi, in qualsiasi settore;
  3. c) al commercio e al turismo;
  4. d) alle attività riconducibili anche a più settori di particolare rilevanza per lo sviluppo dell’imprenditorialità giovanile, riguardanti:

1) la filiera turistico-culturale, intesa come attività finalizzate alla valorizzazione e alla fruizione del patrimonio culturale, ambientale e paesaggistico, nonché al miglioramento dei servizi per la ricettività e l’accoglienza;

2) l’innovazione sociale, intesa come produzione di beni e fornitura di servizi che creano nuove relazioni sociali ovvero soddisfano nuovi bisogni sociali, anche attraverso soluzioni innovativì.

Spese ammissibili

  1. a) suolo aziendale (10%);
  2. b) fabbricati, opere edili / murarie, comprese le ristrutturazioni; (max 40% per costruzione, acquisto e ristrutturazione nel caso di Industria, artigianato e trasformazione di prodotti agricoli; max 70% per acquisto e ristrutturazione nel turismo; max 40% per acquisto e ristrutturazione negli altri settori)
  3. c) macchinari, impianti ed attrezzature varie nuovi di fabbrica;
  4. d) programmi informatici e servizi per le tecnologie dell’informazione e della comunicazione (TIC) commisurati alle esigenze produttive e gestionali dell’impresa; (max 20%)
  5. e) brevetti, licenze e marchi (max 20%);
  6. f) formazione specialistica dei soci e dei dipendenti del soggetto beneficiario, funzionali alla realizzazione del progetto (max 5%);
  7. g) consulenze specialistiche (max 5%).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *