Organizzazione - Finanza - Controllo

Cosa accomuna le aziende più ammirate del mondo

Ogni anno la rivista di business Fortune stila la più prestigiosa classifica sulla reputazione aziendale a livello globale.

Il campione su cui è basato il ranking delle aziende non è costituito da consumatori, ma dalla business community internazionale, cioè manager, analisti e investitori chiamati a esprimere un giudizio sui propri “pari” con cognizione di causa. La classifica, che per inciso vede sul podio – Apple, Alphabet, Amazon – tre aziende “giovani” con meno di 40 anni di storia sul mercato, è particolarmente interessante perché consente di fare considerazioni su ciò che accomuna le aziende più ammirate, contraddistinguendole da quelle di minore successo.

Ciò che accomuna le aziende più ammirate del mondo è la visione di lungo termine: la capacità, cioè, di essere competitivi nel mercato del presente pur anticipando i desideri che il mercato potrà esprimere tra 10 anni. Questa capacità di destreggiarsi tra presente e futuro, tra innovazione e radicamento nel tempo attuale è sicuramente uno degli aspetti che hanno fatto di Apple un marchio vincente.

La visione futura è legata soprattutto ai temi del lavoro, dei talenti in azienda e dell’efficacia della leadership, considerati cruciali per il successo dal 78% delle 50 aziende più ammirate. La maggior parte di esse, dice Fortune, sta già preparandosi a ciò che verrà e ha già valutato di cosa avrà bisogno fra 10 anni in termini di composizione e competenze della forza lavoro, capacità del management, capacità di attrarre i talenti migliori. Ciò significa che queste aziende stanno già oggi “formando” i propri manager del futuro, preparandoli al mercato del prossimo decennio: l’81% dei brand in classifica, infatti, indica che la prossima generazione di leader arriverà dall’interno dell’azienda e solo l’11% indica che i prossimi manager saranno reclutati dall’esterno. Una visione basata sul valore e sulla continuità delle persone richiede che i brand siano strategici su due fronti: quello dell’attrazione e mantenimento dei talenti (futuri leader) in azienda e quello, altrettanto importante, del costante aggiornamento “culturale” dei leader del presente affinché stiano al passo con un mondo del business in rapida evoluzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *